Recensioni dei nostri partner

Questo progetto, cofinanziato dall’Unione Europea, ha 13 membri situati in 4 paesi dell’Unione Europea:

  1. Asociación Agraria Jóvenes Agricultores de Málaga

    ASAJA Málaga è un’associazione indipendente e senza fini di lucro che promuove iniziative private, cooperative e qualsiasi altra forma di associazione. Contribuisce inoltre alla formazione professionale dei suoi membri e fornisce un sostegno speciale alle imprese familiari e ai giovani agricoltori.

    www.asajamalaga.com

  2. Asociación Agraria de Jóvenes Agricultores Nacional (Asaja)

    ASAJA Nacional è stato creato nel 1989, a seguito della fusione tra le organizzazioni che rappresentano gli agricoltori CNAG, CNJA e UFADE. Attraverso questo, ASAJA è diventata la più grande organizzazione agricola professionale in Spagna con oltre 200.000 membri che lavorano direttamente nello sfruttamento della terra, sia i proprietari terrieri e gli inquilini, sia i gruppi che collaborano al attività agricole. La sede nazionale di ASAJA partecipa a questa proposta, insieme alle filiali regionali di Malaga e Valencia. Questi sono anche 15 centri regionali, 40 uffici provinciali e 810 uffici locali, nonché un ufficio di rappresentanza permanente a Bruxelles.

    www.asaja.com

  3. AGRIMARBA SL

    È stato creato nel 1989, a seguito della fusione tra le organizzazioni che rappresentano gli agricoltori CNAG, CNJA e UFADE. Attraverso questo, ASAJA è diventata la più grande organizzazione agricola professionale in Spagna con oltre 200.000 membri che lavorano direttamente nello sfruttamento della terra, sia i proprietari terrieri e gli inquilini, sia i gruppi che collaborano al attività agricole. La sede nazionale di ASAJA partecipa a questa proposta, insieme alle filiali regionali di Malaga e Valencia. Questi sono anche 15 centri regionali, 40 uffici provinciali e 810 uffici locali, nonché un ufficio di rappresentanza permanente a Bruxelles….

    www.agrimarba.com

  4. ASAJA; AVA-Asaja La Asociación Valenciana de Agricultores (AVA)

    È stato creato nel 1977 da tredici contadini valenciani. Nel 1989 si era fusa con l’organizzazione nazionale di ASAJA per creare una delle più importanti associazioni spagnole nel settore agricolo.

    AVA-ASAJA attualmente rappresenta, gestisce e difende gli interessi professionali degli agricoltori, con particolare attenzione all’agricoltura familiare, ai giovani agricoltori e alle donne in agricoltura. Contribuisce, promuove e svolge formazione professionale tecnica, sociale e culturale per tutti i suoi membri. Uno degli obiettivi dell’associazione è la promozione della ricerca agricola, la sperimentazione e l’innovazione e lo sviluppo di nuove varietà e la loro protezione.

    www.avaasaja.org

  5. Ayuntamiento de Sevilla

    Una delle competenze di questo consiglio comunale è la conservazione e la manutenzione di spazi verdi e alberi che arricchiscono la città. All’interno del patrimonio arboricolo della città ci sono circa 170.000 alberi. Dato il buon adattamento che l’arancia amara ha nelle condizioni edafoclimatiche della città e l’accettazione di questa specie da parte dei cittadini, circa il 24% degli alberi appartiene a questa specie. Il servizio di parchi e giardini nell’area di Habitat urbano, Cultura e Turismo ha tra le sue competenze la gestione di questi alberi. Tutti i compiti coinvolti nella cura degli alberi e delle aree verdi sono diretti e coordinati dal dipartimento Parchi e giardini. La piantagione, l’irrigazione, la potatura e la cura fitosanitaria degli alberi sono sviluppate con personale e mezzi tecnici attraverso l’area geografica del comune. L’approccio del Consiglio comunale è incluso nella gestione integrata dei parassiti e nel controllo biologico, in conformità con la legislazione vigente. e l’accettazione di questa specie da parte dei cittadini.

    www.sevilla.org

  6. Centro de Cooperación Internacional en Investigación Agrícola para el Desarrollo (Francia) CIRAD

    È un’organizzazione internazionale di ricerca e cooperazione agricola francese che lavora per lo sviluppo sostenibile delle regioni tropicali e mediterranee. CIRAD ha una solida esperienza nella creazione di materiale vegetale innovativo e meglio adattato alle limitazioni biotiche e abiotiche. CIRAD ha una vasta esperienza nella produzione tropicale e subtropicale con un approccio ampio e integrato. Nel CIRAD citrus ha sviluppato programmi multidisciplinari incentrati su:

    i) la gestione del germoplasma e la caratterizzazione, l’allevamento di cultivar di mandarino triploide per il mercato europeo con l’obiettivo di alta qualità,
    ii) modello di coltivazione per l’adattamento ai limiti del Mediterraneo e dei tropici.

    www.cirad.fr

  7. Instituto Canario de Investigaciones Agrarias: (ICIA)

    Mette il suo lavoro di ricerca a disposizione del settore agricolo, al fine di trasferire conoscenze e tecnologie volte allo sviluppo sostenibile dei sistemi agricoli che prestano attenzione alla conservazione dell’ambiente e della biodiversità. Il suo lavoro apre nuove strade verso l’innovazione nei processi produttivi che migliorano la qualità e la competitività nel settore e garantiscono la sicurezza alimentare. Con questi obiettivi in mente, ICIA è un riferimento nazionale e internazionale nell’area della ricerca agricola, lavorando su una varietà di progetti incentrati sulla produzione di piante in aree subtropicali, parassiti delle piante e controllo delle malattie, conservazione della flora efficienza nativa e delle risorse in risorse e materie prime.

    www.icia.es

  8. Instituto Andaluz de Investigación y Formación Agraria y Pesquera Alimentaria y de la Producción Ecológica

    L’IFAPA è un’agenzia amministrativa della Junta de Andalucía composta da 18 centri di ricerca e formazione esistenti da oltre 40 anni. L’IFAPA opera sotto l’egida del Ministero dell’agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale e lavora a stretto contatto con questi settori economici. La sua strategia di innovazione aperta si basa sull’interazione tra tutte le parti interessate, come produttori, gruppi professionali, società private, distributori e centri di ricerca e università.

    www.juntadeandalucia.es/agriculturaypesca/ifapa/web/

  9. Instituto Nacional de Investigación Agronómica (Francia) INRA

    È il più importante istituto agricolo in Europa, centro di ricerca e il numero due al mondo per le scienze agrarie.

     

    www.inra.fr

  10. Instituto Valenciano de Investigaciones Agrarias: (IVIA)

    Fondata nel 1968, è la principale istituzione per la ricerca agricola nella Spagna orientale. IVIA integra sette centri di ricerca: genomica, produzione di agrumi e colture, agricoltura sostenibile, tecnologia post-raccolta, tecnologia zootecnica, protezione delle piante e agroingegneria.

    www.ivia.gva.es

  11. Universidade do Algarve (Portugal)

    UALG, creato nel 1979, è un istituto di istruzione superiore pubblico portoghese situato nel sud del Portogallo, in Algarve. UALG è stata attiva nel campo dell’orticoltura, sia attraverso la ricerca che l’insegnamento a diversi livelli di istruzione: laurea in agronomia e master in orticoltura; Corsi di dottorato in Scienze agrarie. UALG, situata nel centro della regione agrumaria del paese, è, tra le università portoghesi, l’università con più lavoro nell’area agrumicola, sia in termini di insegnamento che di sviluppo del lavoro di ricerca.

    www.ualg.pt

  12. Università Degli Studi di Catania (Italia): UNICT

    Fondata nel 1434, è la più antica università della Sicilia, la più antica d’Italia 13 e la 29a università più antica del mondo. Con una popolazione di circa 45.000 studenti, è la principale università in Sicilia. La missione del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) è migliorare l’istruzione e la ricerca in agricoltura, produzione alimentare, sostenibilità e protezione ambientale nel bacino del Mediterraneo; educare i futuri professionisti che miglioreranno la conoscenza e la diffusione in questi settori e serviranno i bisogni della società.

    www.unict.it

  13. Valenciagro – Produção Frutícola Unipessoal LDA

    Anche una filiale del gruppo Martinavarro, è stata fondata nel 2000 dai proprietari e dalla famiglia Parra, per acquistare e gestire le aziende agricole per il gruppo. Le colture a Valenciagro sono agrumi con 117 ettari. La varietà è Nadorcott. L’innovazione in questa azienda è la chiave per mantenere la leadership nella raccolta degli agrumi in Europa, sviluppando nuove strategie e metodi sostenibili che rendono le colture più economiche, ecologiche e libere da malattie.